MANUTENZIONE

/MANUTENZIONE
MANUTENZIONE2018-05-21T12:13:09+00:00

PARTI METACRILATO
Per la pulizia ordinaria tutte le parti lucide dovranno essere trattate con un panno morbido umidificato con acqua o liquidi sgrassanti denominati “NEUTRI”, oppure un prodotto antistatico (es. “Pronto antistatico multi superficie o equivalenti”).
Evitare: l’utilizzo di acetone, trielina e ammoniaca. L’utilizzo di pagliette in acciaio e di creme abrasive che potrebbero graffiare la superficie.

PARTI LACCATE
Per la pulizia degli elementi laccati lucidi, si consiglia di usare un panno morbido inumidito  con  solo acqua.   Per quelli con vernici  goffrate,  inumidito  di acqua.

PARTI LAMINATO
Si possono pulire con detersivi liquidi o alcool, evitare di usare detersivi in polvere che risultano abrasivi o a base di cloro.

PARTI IN LEGNO
La verniciatura usata per gli elementi in legno, risulta essere un buon protettivo contro l’assorbimento dell’umidità e dello sporco, per la pulizia si può usare un panno inumidito con acqua diluita con alcool o detergenti specifici per il legno.

PARTI IN ACCIAIO
Vanno pulite con prodotti specifici o acqua e detersivo; l’importante è asciugarli per non lasciare gli aloni dovuti al calcare dell’acqua. Evitare di usare detersivi in polvere e l’uso di spugne abrasive.

PARTI IN ALLUMINIO
Per la normale pulizia basta usare un panno inumidito da acqua diluita con alcool; evitare di usare detersivi in polvere e spugne abrasive.

PIANI DI LAVORO LAMINATI
Resistenti all’acqua, al calore, ai detersivi e agli olii, per la loro pulizia bisogna evitare l’uso di pagliette che col tempo consumano la superficie protettiva del laminato. Evitare di appoggiare le pentole appena tolte dalla fiamma specie se con doppio fondo.

PIANI DI LAVORO CON MARMI E GRANITO
Sono trattati con impermeabilizzante che li protegge nell’uso quotidiano, temono i detersivi acidi e le sostanze aggressive il limone, il caffè o il vino, che bisogna rimuovere immediatamente, altrimenti il loro potere corrosivo li macchia irrimediabilmente. Si puliscono con un panno o una spugna inumidita d’acqua, ogni due o tre mesi vanno ritrattati con cera liquida o impermeabilizzante specifico.

PIANI DI LAVORO IN LIGHT QUARZ
Resistono all’ usura ed al calore elevato, sono inattaccabili dagli acidi e dai reagenti chimici presenti nei detersivi d’uso domestico. La normale pulizia si può fare con acqua e detersivo ed eventualmente con paglietta, in caso di macchie resistenti può essere effettuata con l’impiego di detergenti anche molto concentrati.

NECESSARIO E INDISPENSABILE
Attenzione alle part i laccate o in legno, sono sensibil i alla luce diretta, ciò comporta la variazione delle tonalità del colore, evitare ch e i raggi del sole colpiscano direttamente i mobili. Tutte le vernici si rimuovono con diluenti e acetone. Quindi teneteli lontan i dalla cucina. Quando versate acqua bollente nel lavabo, per evitare che la condensa del vapore si depositi all’interno dello scolapiatti, è sufficiente aprire gli sportelli. Inoltre è importante aprir e anche l’acqua fredda del rubinetto in modo da versare nello scarico acqua ad una temperatura tiepida; si possono evitare dilatazioni nei tubi che sono causa di perdite. Infine, i contenitori di sostanze acide lasciateli aperti, possono intaccare l’acciaio del lavello.
Quando si cucina usando il piano di cottura, mettere in funzione la cappa, convoglia tutti i vapori umidi e grassi verso gli appositi filtri, salvaguardando i mobili vicini. Quando occorre una miscela a base di acqua per la pulizia dei mobili, si ottengono risultati migliori usando quella distillata, se dal rubinetto esce ricca di calcare.
Attenzione! Mai usare liquidi in quantità, ma solo panni inumiditi. Non lasciare attorno al piano cottura acceso rotoli di carta assorbente o strofinacci, sono elementi infiammabili che possono causare seri danni ai mobili. Urti con oggetti metallici scalfiscono il laccato opaco per cui non potranno rientrare in garanzia eventuali danni dovuti da urti.